NewsEfficienza & RisparmioStakeholder energiaOrizzontenergia.itEfficienza Energetica

Le Olimpiadi Green del pedone – Venti piastrelle verdi per produrre energia

    Ci troviamo nel più grande centro commerciale d’Europa: il Westfield Stratford City Mall di Londra, proprio a ridosso del nuovo Stadio Olimpico sede delle Olimpiadi 2012 che proprio in occasione dell’evento sportivo sfoggia un nuovo “look” molto particolare costituito da 20 innovative mattonelle progettate per immagazzinare l’energia cineticaenergia cinetica
    Energia di movimento, ovvero l’energia che un corpo possiede in virtù del fatto che si sta muovendo. La massa d’acqua di una cascata possiede energia cinetica, per esempio. Un corpo di massa M, infatti, muovendosi a velocità V, ha in sé la capacità di compiere un lavoro, ovvero di ‘far muovere’ qualcos’altro mentre cade o si muove. L’energia cinetica è data dall’espressione: Ec=1/2 x M x V2.
    di tutti coloro che le calpestano.

    Il transito stimato in un anno è all’incirca di 40 milioni di pedoni che genereranno diversi centinaia di kilowattora in grado di illuminare tutte le aree esterne al centro commerciale.

    Interamente prodotte con gomma riciclata da Pavegen System, azienda londinese fondata dal giovane Laurence Kemball-Cook nel 2009, queste particolari piastrelle se posizionate in luoghi ad alto transito pedonale sono in grado di generare elettricità per alimentare applicazioni a basso consumo di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    .

    Ma come funzionano?

    Il 5% dell’elettricità va ad alimentare il led del logo, mentre il restante 95% viene immagazzinato in una batteria per impieghi futuri. Impermeabili e resistenti fino a 5 anni queste piastrelle green mediamente generano 7W di elettricità per passo e la gomma si abbassa di soli 5mm “differenza praticamente impercettibile per chi la calpesta” sostiene Kemball-Cook.

    Che ogni strada possa trasformarsi in futuro in una centrale elettricacentrale elettrica
    Impianti adibiti alla conversione di risorse energetiche primarie (cioè non trasformate, disponibili già in natura) in energia elettrica. Esse possono essere basate su principi fisici (per esempio negli impianti ad energia rinnovabile che sfruttano il movimento di masse d’acqua, di masse d’aria o la radiazione solare), principi chimici (per esempio negli impianti che bruciano combustibili fossili) o principi nucleari (fissione e fusione nucleare).
    ?

     

    Orizzontenergia.it

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *